Pesci Farfalla
Data: Venerd́, 17 settembre @ 15:34:43 CEST
Argomento: Pesci Marini - Pesci Farfalla



Nome scientifico : Chetodontidi (Chaetodontidae)
Nome in Inglese : Butterfly fishes

Sono tra i pesci più belli e più comuni negli ambienti di reef. Detti pesci farfalla per la forma simmetrica delle pinne e per i colori brillanti, hanno anche un'altra caratteristica che li avvicina alle farfalle: soprattutto le specie che si nutrono di coralli percorrono incessantemente il reef, "svolazzando" incessantemente e fermandosi qua e là molto brevemente per mangiare. La fuga di un banco di pesce farfalla piramide richiama veramente alla mente un volo di farfalle. Normalmente sono facili da osservare, perchè non sono intimoriti dai subacquei. Pesci di piccola taglia (massimo 30 cm), molto colorati, corpo compresso lateralmente.


Le pinne dorsale e anale sono parzialmente coperte di scaglie, ed hanno forma simmetrica. La forma complessiva del pesce è da triangolare a trapezoidale, con muso appuntito e bocca piccola. Le specie del genere Heniochus (pesci bandiera) hanno un filamento che prolunga la parte anteriore della pinna dorsale. La colorazione è spesso a righe e macchie, nei colori bianco, giallo, arancio e nero. Molto comune una banda verticale che copre e rende meno evidente l'occhio. Molto comune soprattutto nei giovani una macchia tondeggiante ( falso occhio) nella parte posteriore del pesce, che probabilmente può confondere un predatore. Infatti il falso occhio può generare confusione impedendo al predatore di prevedere in che direzione fuggirà il pesce farfalla, oppure, essendo di solito più grande del vero occhio, può dare l'impressione di una preda più grossa del reale. La pinna dorsale spinosa ne fa una preda difficile da ingoiare. Secondo alcuni autori le colorazioni brillanti dei pesci farfalla potrebbero avere il significato di una colorazione di avvertimento. Un segnale preciso ai predatori: sono qui, ma non ti conviene attaccarmi.

 

Anatomia
La bocca dei pesci farfalla è piccola e il muso più o meno appuntito. I denti sono a forma di setola (questo il significato della parola chetodontidi), adatti per nutrirsi di pezzi di animali molli. Il corpo è fortemente compresso in senso laterale, adatto per insinuarsi tra le ramificazioni dei coralli in caso di minaccia incombente. Nuotatori lenti ma dotati di grandi capacità di manovra, i pesci farfalla usano la pinna caudale per la propulsione, le mobilissime pinne pettorali e le ondulazioni delle pinne dorsale e anale per manovrare in spazi stretti.

 

Ecologia
La zona con la maggiore diversità di pesci farfalla è il fronte del reef. Quasi tutte le specie sono diurne, e si nutrono di alghe, o di coralli, o di vermi e altri invertebrati di piccola taglia. Alcune specie si nutrono di plancton e formano banchi. Molte specie sono territoriali, molte formano coppie che restano unite per la vita e convivono in un territorio che usano principalmente per cibarsi. Le uova, planctoniche, sono abbandonate alla corrente.

 

Gruppi simili
La forma generale del corpo è simile a quella dei pesci angelo (pomacantidi), ed è possibile la confusione, soprattutto con le specie più piccole di pomacantidi. Nei pesci farfalla però manca la spina sull' opercolo branchiale, caratteristica dei pesci angelo. I pesci farfalla sono tra i più cospicui pesci di barriera. Alcune specie si nutrono esclusivamente di coralli duri (madrepore). Queste specie sono considerate indicatrici della salute del reef.

 







Questo Articolo proviene da DAM Acquari Padova
http://www.damacquari.it

L'URL per questa storia è:
http://www.damacquari.it/modules.php?name=News&file=article&sid=62